Il mese di maggio da ragazzino era il mio preferito. Il mio sabato del villaggio, in cui le giornate si allungavano e si poteva giocare in cortile fino a tardi. Maggio è anche il mese della Madonna, dei rosari, che io cercavo sempre di evitare. I miei genitori mi hanno lasciato molta libertà e pur avendo raggiunto presto una forte laicità e distacco dalla religione sono sempre rimasto legato a una spiritualità e a una fede che si fanno carità e carezza come in una dolce ninna nanna. C’è un passaggio nella canzone a cui sono molto legato:
“Prego Gesù di portare via il dolore
Che i pescatori non si perdano nel mare
Che ci sia un posto dove andare per chi muore
Prego Gesù di poterti ritrovare”.
Il finale mi fa pensare al mio grande amico Franz, diventando preghiera di ritrovarlo prima o poi in una città di mare.

 

Ninna nanna del maggio

testo e musica di Andrea Parodi

 

Penso alle domande e alle risposte
Penso al mare, alla nave e alle sue rotte
A te bambina che correvi nel cortile
come una farfalla e le tue ali sotto il sole
Sento il vento accarezzare i fili d’erba
O è qualcuno che li muove da lassù
Che li pettina e ti sfiora sulla schiena
E nella luna vedo il volto di Gesù

Ninna nanna Ninna e…
Ninna nanna Ninna a…

Questa sera io ti ho acceso una candela
Sto pregando per la tua gioia e la speranza
E adesso dormi tra le braccia di Maria
E adesso dormi mia dolcissima Costanza
Prego Gesù di portare via il dolore
Che i pescatori non si perdano nel mare
Che ci sia un posto dove andare per chi muore
Prego Gesù di poterti ritrovare

Ninna nanna Ninna e…
Ninna nanna Ninna a…

 


Credits

Andrea Parodi – vocals
David Carroll
– upright bass
Brannen Temple – drums
Luke Jacobs – nylon guitar
Ali Razmi – setar
Bocephus King – vocals, whistle, percussions, xylophone, electric guitar
Claudia Buzzetti – vocals


"Ninna nanna del maggio" è la traccia n.12 dell'album Andrea Parodi Zabala


Stampa